Metodo - Il Fiore d'Oro

Vai ai contenuti

Menu principale:

Metodo

Cranio - Sacrale

LA TECNICA CRANIOSACRALE



"La terapia craniosacrale è sia un'arte intuitiva ,
sia una metodica altamente scientifica
basata sulla fisiologia del corpo umano"                

Dr. John Upledger



"Lo stesso fiume di vita che scorre nelle mie vene notte e giorno,
scorre nel mondo e danza a tempo ritmico.
E' la stessa vita che esplode di gioia
nella polvere del mondo in innumerevoli fili d'erba ed esplode in tumultuose ondate di foglie e fiori.
E' la stessa vita che viene dondolata nella culla dell'oceano della vita e della morte,
nel flusso e nel riflusso."
             

R. Tagore


La tecnica craniosacrale è una tecnica Bionaturale di supporto all'individuo che opera con lo scopo di favorire, preservare e consolidare lo stato di salute della persona considerata nella sua globalità fisica, emozionale ed energetica.
E' un approccio di tipo olistico che promuove la salute cooperando con le risorse presenti nel sistema dell'essere umano entrando in connessione con la saggezza guaritrice intrinseca del corpo stesso. Il cliente, steso vestito sul lettino, riceve le condizioni ideali per poter attingere e elaborare il proprio processo di autocorrezione, integrando i cambiamenti che avvengono attraverso uno stato di "quiete", condizione che richiama il nostro stato originario.  Il trattamento, di circa cinquanta minuti, è una tecnica manuale di lavoro sul corpo mediante un tocco delicato, sottile e profondo che si basa sulla capacità di "ascoltare" con le mani il ritmo del sistema valutandone l'armonico fluire. L'operatore ascolta dapprima le maree più superficiali, che narrano il vissuto recente, e poi le maree più profonde che raccontano il nostro sviluppo da quando eravamo embrioni, e ascolta le forze di salute che sono sempre attive nell'organismo, anche quando c'è una situazione di disagio o malattia. Attraverso tecniche che prevedono l'applicazione di una forza pari a pochi grammi di peso l'operatore craniosacrale può ripristinare il movimento in quelle zone dove esso è stato reso difficoltoso per vari motivi; collabora con l'organismo, ascolta, accetta e si arrende a ciò che il corpo esprime …

"il corpo è più saggio di noi e dobbiamo imparare ad apprendere da esso.."

CENNI STORICI


Si deve al medico osteopata William G. Sutherland ai primi del 1900 la scoperta che le "ossa craniche sono concepite per una mobilità e che questa mobilità accomoda e accompagna la motilità del cervello e del midollo spinale immersi nel liquido cefalorachidiano".
Si accorse che era possibile percepire questa attività ritmica manualmente e che questa era indipendente dall'attività cardiaca e respiratoria. Il Dott. Sutherland definì questo sistema fisiologico Ritmo Respiratorio Primario. La ricerca Osteopatica ha dimostrato attraverso sofisticate apparecchiature , l'esistenza di questo ritmo e che questo è connesso alla mobilità delle suture craniche e dell'osso sacro. Il Dott. Sutherland intuì che il sistema respiratorio primario era alla base di tutti gli altri sistemi fisiologici e che era possibile attraverso tocchi delicatissimi intervenire sulle sue alterazioni ritmiche ottenendo importanti effetti terapeutici. Successivamente studiosi come R. Becker, J. Jelouse, F. Sills  approfondirono gli studi sul sistema craniosacrale . Nel 1970 il Dott. J.Upledger coniò per la prima volta il termine "terapia craniosacrale" e utilizzò le sue ricerche cliniche su una prospettiva nuova nel campo Osteopatico: l'unificazione corpo-mente con un accurato lavoro sui traumi che definì "Somato Emotional Release".


IL SISTEMA CRANIOSACRALE


"…..il posto dove la mente, le emozioni e lo spirito si uniscono ……
molto vicino al centro della nostra vita ……"
                      

Dr. John Upledger


Il sistema craniosacrale è un sistema anatomo funzionale composto dall'insieme degli elementi costitutivi del sistema nervoso centrale comprendendo in questa definizione: le membrane meningee, il tubo durale, il liquido cefalorachidiano (o liquor), e i suoi sistemi di produzione e riassorbimento, le ossa craniche, la colonna vertebrale e il sacro- coccigeo, i tessuti connettivi  (o fascia) e i fluidi corporei.
La funzione di questo Sistema è la produzione, la circolazione e il riassorbimento del liquido cerebrospinale e il mantenimento dell'omeostasi del sistema nervoso centrale. La produzione ed il riassorbimento del liquor generano un continuo movimento di aumento e diminuzione di pressione del fluido all'interno del sistema craniosacrale e questa particolare mobilità intrinseca di tipo ritmico che non è relazionata né alla frequenza cardiaca né a quella respiratoria, ha una propria identità specifica: il "Respiro Primario" o "Respiro della Vi
ta" o Ritmo CranioSacrale.



AMBITO OPERATIVO


Il lavoro craniosacrale è rivolto a tutti in quanto è un trattamento, delicato, confortevole e  sicuro, che crea un senso di quiete, rilassatezza e benessere tale da risultare adatto anche al lavoro con neonati, bambini e anziani ed è consigliato durante tutto il periodo della gravidanza. La tecnica stimola il riequilibrio delle forze di mantenimento della salute e dell'omeostasi interna, per cui si inquadra a tutti gli effetti nell'ambito delle discipline olistiche.


Operatore: Renata Ferrari

Info e prenotazioni: 3494604806 / Mail: renataferrari.studio@gmail.com

 
 
Cerca
Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
Torna ai contenuti | Torna al menu